Profile picture of davide puzzo
Profile picture of Kiss From The World
Profile picture of Keith Kellett
Profile picture of Tara
Profile picture of Anirban Chatterjee
Profile picture of Tracy A. Burns
Profile picture of Maria
Profile picture of Meg Stivison
Profile picture of Dharmendra Chahar
Profile picture of sakrecubes Cubes
Profile picture of Catherine McGee
Profile picture of Bindu Gopal Rao
Profile picture of Iolanda Schena
Profile picture of Rashmi Gopal Rao
Profile picture of Aditi Roy
Profile picture of Michelle
Profile picture of Paula
Profile picture of Maite González
Profile picture of Carol Bock
Profile picture of Vuyiso Tshabalala
Profile picture of Stella
001_Greece_Amorgos_The_Traveller__Kiss_From_The_World_travel_and_people_magazine

The Traveller

When people ask me how long I've been travelling and if I have a Blog, I always feel like laughing.

It's not the name of it – BiCicladi – that makes me laugh, but the fact that I don't consider it like a real Blog.

I opened it few days before leaving. I wasn't even sure if I really wanted to spend time working on it and if Greece would have been my second home for months or just few days.

It helped me a lot during the first week, for making a commitment with myself and with those whom were following me at the beginning gave me strength to post everyday.

To overcome the difficulties.

Than day by day I got more and more confident with myself, and BiCicladi grew up with me.

But still, I don't take it as a Blog.

I'm not writing about hotels or places, not giving tips nor suggestions, I don't have sponsors and make money out of it.

It's just a mean I'm using to have fun myself and share what I'm doing, always doing it my own way.

I consider it more like a travel diary or a long holiday diary, coming out into images and words.

I'm more than happy cause many people liked the result and also some of them felt the need of writing me private messages in order to thank me.

But what is like a real Blog?

I'm asking myself this question since many days.

Are there rules or examples?

What does really matter?

The number of followers or of shared emotions?

Actually I found many of the Blogs I red being a bit boring and also unpersonal sometimes.

I decided to post instinctively, without any pressure, obligation or requirement.

Yesterday I had the chance to meet a real Blogger. At least for me.

Or someone I can consider a real Traveller.

Just me and him in Aegiali Camping. His tent, his colorful clothes and his enormous "travel equipment" immediately captured my sight.

image

I greet him.

He invites me for a sage tea he just made.

And we start talking openly for hours.

Jiri Oliva is 27, from Czech Republic.

He left home in April, starting paddling southwards on his dream.

He calls it his "Big Project": the Kayak Around Europe.

He walked across the mountains for 120 kms pushing his 100 kg kayak on roads to enter Austria, and hugged the Danube in Linz following it throughout Hungary, Serbia, Bulgaria and Romania to get to Istanbul and Turkey.

He wanted to reach Greece in summer and he did it.

From here he will go to Athens and than all around Europe to meet again the Elbe river in Hamburg and so to close the circle ending up in Prague again from the North.

"How long will you be on the way?"

"I don't know. 2 years. Maybe 3 …"

"And you are here in Amorgos since …?"

"Three weeks. I think I'll stay a little more."

"Oh why that much?"

"I like it here. I feel good. There is such a special energy on this island … can you feel it?"

"Yes … now I understand why…"

Free spirit, Jiri loves freediving and video – making. He is working alone on his project, on the site and on the Blog.

Just a little help from few sponsors which gave him some discounts for the things he needed to buy. He's travelling with a Mac, a broken camera, 2 GoPro, a GPS, a cellphone and a huge orange kayak.

"But I do what I feel like doing. I don't want to be under pressures or obligations. For the same reason I couldn't be living on this island: it's beautiful, but do you know they don't have enough water and they need to buy it from outside?"

He doesn't need a lot. Everywhere he goes he tries to find a good place to sleep. If he doesn't find it, he sleeps good anyway.

"Do you always walk barefoot?"

"Yea someone stole my sunglasses and my shoes."

"And you are not gonna buy them again?"

"Maybe later. I don't need sunglasses nor shoes here …"

True. I also did the same.

He is curious and enthusiastic about everything. He likes learning new things every day, from himself too.

"I have a harpoon with me. Before leaving I thought I might need it for fishing sometimes. But than I started diving in these clear waters and understood I cannot kill the fishes I like to see … maybe I will give it to somebody …"

He writes on his Blog: "I think that wisdom comes to a person in waves. Everything evolves and grows, so it can blossom and ripe, pass the best on and quietly leave."

He seems very calm and serene indeed, but he also confesses "I'm thinking too much. Every day. Every moment."

I know exactly what he means.

Must be a tough inner struggle.

In ten years he can see himself doing the same journey, making ends meet someway.

"But that time with a sailing boat. I would like to build one with my own hands. We will see also what kind of woman I will find. Much depends on it at the end you know …"

"I know, Jiri. I know…"

"And what about you?"

"Well in a couple of days I'm going back to Italy and there I will see were life brings me. I have many ideas now but don't know which one I should try to realize. Or maybe I'll take my bicycle and leave again … or buy a kayak and follow you during your days in Italy!"

He feels probably I'm getting nervous thinking about going back and he says: "When you travel like we are doing there is one point when you change inside and start looking at everything in a different way. I remember it happened to me in Novi Sad. I was asking myself which day it was. Which month … and which year! Of course I know it's 2015 but the thing is that I found myself out of time. And then travelling became just living. Living for real."

"Jiri you are not helping me at all …"

"Ah ah I know!"

We say goodbye like two old good friends, or just simply like two persons that look at life in a very similar way.

"It was an honour meeting you."

"Also for me Vieri. Maybe we will be paddling together in Italy next year … if you are not cycling around wherever with your bicycle!"

Enjoy your Travel, Jiri Oliva.

And enjoy the Waves!

ITA

Quando mi domandano da quanto tempo sto viaggiando e se ho un Blog, reagisco immediatamente con una breve risata.

Non tanto per il nome in sé – BiCicladi, frutto di una buffa quanto geniale intuizione Moschiniana – bensì per il fatto che non riesco a ritenerlo davvero un Blog.

L'ho aperto in fretta e furia prima di partire, senza un vero e proprio progetto alle spalle.

Quando finii per caso in diretta su Deejay Chiama Italia il 30 luglio non tirai nemmeno fuori il discorso, insicuro com'ero di quanto avrei voluto dedicarmici e di quanti giorni avrei resistito in terra greca.

Durante i primi giorni mi ha aiutato molto. L'aver preso un impegno con me stesso e con chi mi seguiva mi ha spronato a scrivere e a pubblicare foto giornalmente.

Ad andare avanti, vincendo le prime difficoltà.

Coi giorni poi ho preso vigore e BiCicladi ha preso forma, insieme a me.

Ma ribadisco, non lo reputo un Blog.

Non do informazioni particolarmente rilevanti, non guadagno soldi, non ho sponsors, non recensisco hotel o ristoranti.

Semplicemente lo uso per divertirmi e condividere quello che sto facendo, nella maniera più "mia" possibile.

Lo reputo più un bizzarro diario di viaggio, di una vacanza allungata, tra parole e immagini.

Sono molto felice che il risultato sia piaciuto a tante persone e che qualcuno abbia anche sentito la necessità di scrivermi in privato, per ringraziarmi.

Ma che cos'è un Blog di viaggio veramente?

Da qualche settimana me lo chiedo.

Esistono regole? Forme? Esempi?

Quali sono i criteri di giudizio? Contano di più il numero di followers o quello delle emozioni trasmesse?

Nel più dei casi – parlando dei Blogs in cui mi sono imbattuto negli ultimi tempi – li ho sempre trovati un poco noiosi. Spesso anche impersonali.

Nel mio caso ho preferito che venisse fuori naturale, senza obblighi o costrizioni. Semplicemente come avrebbe suggerito l'istinto.

Ieri, per la prima volta, mi sono imbattuto in un vero Blogger di viaggio. Per lo meno secondo me.

In un vero Viaggiatore.

Siamo i soli due ospiti del campeggio di Aegiali. È impossibile non notare la sua tenda, i suoi vestiti stesi ovunque e la sua "attrezzatura di viaggio".

Lo saluto.

Immediatamente mi invita a bere del tè che ha appena preparato con della salvia raccolta sulle montagne.

E iniziamo così a raccontarci a vicenda, per diverse ore.

Jiri Oliva ha 27 anni, viene da un paese del Nord della Repubblica Ceca.

È partito a inizio Aprile verso Sud, per inseguire il suo sogno.

O come lo chiama lui, il suo "Big Project": il Kayak Around Europe.

Ha scavalcato il confine con l'Austria spingendo a mano per 120 km, con un carrello, 100 kg di kayak zavorrato. Ha abbracciato il Danubio a Linz, percorrendolo tutto fino al Mar Nero e raggiungendo Istanbul, pagaiando tra Ungheria, Serbia, Bulgaria, Romania e Turchia.

Voleva arrivare in Grecia per l'estate. Ci è riuscito.

Da qui ripartirà per Atene, seguendo la costa di alcune delle isole che ho toccato anch'io e poi – da lì – tutto il periplo d'Europa per risalire il corso dell'Elba da Amburgo e chiudere così il cerchio rientrando a Praga, dal Nord.

"Quanto credi di impiegarci?"

"Non lo so. Due anni. Forse tre …"

"E da quanto sei qui ad Amorgos?"

"Tre settimane … credo resterò ancora un altro po'."

"Così a lungo? Come mai?"

"Perché mi piace qui. Sto bene. C'è un'energia particolare … non la senti anche tu?"

"Sí … in effetti ti capisco …"

Spirito libero, appassionato di freediving e video – making, lavora da solo sul suo progetto, al suo sito e al suo Blog.

Ha ricevuto l'aiuto di qualche piccolo sponsor che gli ha offerto semplici sconti sul materiale da lui acquistato. Ha con sé un Mac, una videocamera, due GoPro, un localizzatore satellitare, un telefono e un enorme kayak arancione.

"Faccio comunque quello che mi sento di fare. Non voglio vivere dovendo dipendere da qualcosa o qualcuno. Per lo stesso motivo non potrei vivere qui su quest'isola: sì è stupenda, ma lo sai che non hanno acqua a sufficienza e devono comprarla dal fuori?"

Vive di poco. In ogni luogo in cui ferma il suo mezzo cerca un posto comodo dove poter dormire. E anche se non lo trova, dorme lo stesso.

"Vai in giro scalzo tutto il giorno?"

"Sí … mi hanno rubato i sandali qualche settimana fa, insieme agli occhiali da sole."

"E non intendi ricomprarli?"

"Forse. Di certo non adesso. Non mi servono né occhiali né scarpe qui …"

Come dargli torto. In fondo ho fatto anch'io lo stesso.

Guarda tutto ciò che lo circonda con l'entusiasmo di un bambino, imparando giorno per giorno qualcosa di nuovo, anche su sé stesso.

"… ho con me anche una fiocina. Prima di partire pensavo mi sarebbe potuta servire in casi estremi. Ma poi ho iniziato a immergermi in queste acque e ho capito che non avrei mai potuto uccidere i pesci che mi piace osservare mentre nuotano … magari prima o poi la regalerò a qualcuno …"

Sul suo Blog scrive: "Ritengo che la saggezza arrivi ad una persona sotto forma di onde. Tutto evolve e cresce. Sboccia e poi matura, raggiunge l'apice e poi si ritira serenamente."

Sembra molto sereno difatti, anche se è lui stesso a dirmi che "in realtà penso troppo, in ogni momento".

So bene di che si tratta.

Dentro deve essere un bel casino.

Tra dieci anni si vede a ripercorrere lo stesso giro, guadagnandosi da vivere dove capita.

"Con una barca a vela però. Mi piacerebbe costruirmela da solo. Vedremo anche quale tipo di donna incontrerò nella mia vita. Tanto dipende da quello in fondo."

"Lo so, Jiri. Lo so …"

"E tu?"

"Adesso rientro in Italia, poi vedrò. Ho diverse idee in testa, ma non so quale riuscirò a concretizzare. Poi magari prendo la bici e riparto un'altra volta … oppure un kayak e ti accompagno in Italia per un tratto!"

Probabilmente avverte la mia ansia da rientro e dice: "Quando sei in viaggio da diverso tempo arriva un momento in cui svolti e cambi il modo di vedere le cose. Ricordo che a me accadde a Novi Sad. Di colpo mi sono trovato a chiedermi che giorno fosse. Che mese. Anche che anno! È chiaro che so in che anno siamo, ma davvero mi sono visto come distaccato dal tempo. E allora il mio viaggiare è diventato vivere. Vivere davvero."

"Così però non mi aiuti Jiri …"

"Ah ah, lo so!"

Ci salutiamo come vecchi amici, o forse soltanto come due persone che guardano alla vita in maniera molto simile.

"È stato un onore conoscerti."

"Anche per me Vieri. Magari pagaiaremo insieme in Italia tra un anno, sempre che tu non sia in giro wherever con la tua bicicletta!"

Buon Viaggio, Jiri Oliva.

E Buone Onde


COUNTRY

CITY


Profile photo of Vieri Cammelli

Italian. Born in 1983.Outdoor activities lover, nature enthusiast.Started a trip in the Cyclades with a folding bicycle. Post everyday the world how I see it.Trying to be curious and funny at the same time.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Skip to toolbar